Home sedia per ufficio

sedia per ufficio

Non c'è dubbio che il primo parametro da valutare sia l'ergonomia. Tuttavia, questo è un parametro molto complesso, l'analisi che richiede una certa conoscenza. Per cominciare, è necessario analizzare il proprio stile di lavoro, che determina quali elementi di ergonomia chiave, e quali secondari. È quindi necessario valutare in che misura queste esigenze sono soddisfatte attraverso caratteristiche specifiche: Altezza: la sedia da ufficio per le alte dovrebbe consentire di sollevare il sedile in modo che le gambe rimaste piegate nelle ginocchia ad un angolo di 90°. Troppo basso, ma e troppo alta sedia non consente di allocare correttamente il peso lungo la colonna vertebrale, che può causare dolore. Braccioli: nella maggior parte delle sedie per ufficio sono stretti, e la loro posizione è fissa. Questa non è la soluzione migliore, specialmente nel caso delle sedie per computer. I braccioli devono mantenere le mani per tutto il tempo, non solo durante la pausa al lavoro. L'installazione specifica dei braccioli è selezionata in base all'operazione attualmente in corso. Schienale: deve essere profilato nella forma della colonna vertebrale, preferibilmente con supporto lombare che deve essere mobile per adattare la sedia alla crescita dell'utente. Comoda poltrona da ufficio consente di attingere in qualsiasi momento – alcuni, tuttavia, non sono ergonomici, e i posti sono così profondi, che quando si lavora l'utente si inclina in avanti – questa soluzione non permette di scaricare la colonna vertebrale. Sedia da ufficio con schienale ribaltabile inoltre permetterà di sforzare la schiena durante le pause, tuttavia, si consiglia di trascorrere le pause di lavoro attivamente, e non sedersi su una sedia. Ventilazione: in caso di sedili rivestiti in pelle o tessuti naturali, spesso, non è necessario, ma è già sulla pelle artificiale, è un gadget molto utile. Anche i piccoli fori di ventilazione consentono di aumentare l'usabilità e la durata della sedia stessa. Sedile: deve essere morbido ma non troppo profondo. Questo è l'elemento in cui casualita ' è la più grande, e questo non viola l'ergonomia, ma vale la pena di valutare la profondità del sedile nel contesto delle esigenze di un utente specifico, perché troppo piccolo o troppo profonda ti fa sedere su una sedia, per aumentare l'affaticamento dell'utente.