press-releases/35804/GameShadow-bags-its-millionth-registered-user

press-releases/35804/GameShadow-bags-its-millionth-registered-userQuesta è un’inevitabile conseguenza logica dell’autonomia”, ha aggiunto Russell, ” e di conseguenza ci aspettiamo che le armi autonome riducano la sicurezza umana a livello individuale, locale, nazionale e internazionale.”

Una notevole preoccupazione per le piccole armi autonome è che il loro uso potrebbe portare a una distruzione fisica molto meno di quanto potrebbero causare armi nucleari o altre armi di distruzione di massa, il che potrebbe renderli quasi “pratici” in confronto.

Le armi autonome “lasciano intatte le proprietà e possono essere applicate selettivamente per eliminare solo coloro che potrebbero minacciare una forza occupante”, ha sottolineato Russell.

A Buon Mercato, Efficace, Non Redditizio.

Come per il gas velenoso o le armi tecnologicamente avanzate, le armi autonome possono essere un moltiplicatore di forza. La pistola Gatling potrebbe superare letteralmente dozzine di soldati. Nel caso di armi autonome, un milione di unità potenzialmente letali potrebbero essere trasportate in un solo container o in un aereo da carico. Tuttavia, questi sistemi di armi potrebbero richiedere solo due o tre operatori umani anziché due o tre milioni.

“Queste armi sarebbero in grado di cacciare e eliminare gli esseri umani in città e città, anche all’interno di edifici”, ha detto Russell. “Sarebbero a buon mercato, efficaci, non redditizie e facilmente proliferate una volta che le grandi potenze inizieranno la produzione di massa e le armi saranno disponibili sul mercato internazionale degli armamenti.”

Questo potrebbe dare ad una piccola nazione, uno Stato canaglia o anche un solo attore la capacità di fare danni considerevoli. Lo sviluppo di queste armi potrebbe persino scatenare una nuova corsa agli armamenti tra potenze di tutte le dimensioni.

  • Per questo motivo le grida di bandirli prima ancora che vengano sviluppati sono aumentate in volume, soprattutto come lo sviluppo delle tecnologie di base-AI e l’apprendimento delle macchine-per scopi civili avanza.
  • Potrebbero essere facilmente militarizzati per creare armi.
  • “Le armi completamente autonome dovrebbero essere discusse ora, perché a causa del rapido sviluppo della tecnologia autonoma, potrebbero presto diventare una realtà”, ha detto Bonnie Docherty, ricercatrice senior della divisione armi presso Human Rights Watch, e uno degli autori del recente articolo che ha chiesto un divieto sui robot killer.

“Una volta entrati negli arsenali militari, probabilmente si moltiplicheranno e saranno usati”, ha detto a TechNewsWorld.

"Una volta entrati negli arsenali militari, probabilmente si moltiplicheranno e saranno usati", ha detto a TechNewsWorld.“Se i paesi aspettano, le armi non saranno più una questione per il futuro”, ha aggiunto Docherty.

Molti scienziati e altri esperti hanno già ascoltato la richiesta di vietare le armi autonome, e migliaia di esperti DELL’AI questa estate hanno firmato un impegno a non contribuire allo sviluppo dei sistemi per scopi militari.

L’impegno e’ simile alle chiamate degli scienziati del Progetto Manhattan di non usare la prima bomba atomica. Invece, molti degli scienziati che hanno lavorato per sviluppare la bomba hanno suggerito che i militari semplicemente forniscono una dimostrazione della loro capacità piuttosto che utilizzarla su un bersaglio civile.

La forte opposizione alle armi autonome oggi “dimostra che le armi pienamente autonome offendono la coscienza pubblica, e che è tempo di agire contro di loro”, osserva Docherty.

Premere il pulsante antipanico?

Tuttavia, le chiamate dei vari gruppi potrebbero essere un punto discutibile.

Anche se gli Stati Uniti non hanno accettato di limitare lo sviluppo di armi autonome, gli sforzi di ricerca in realtà sono stati concentrati più su sistemi che utilizzano l’autonomia per scopi diversi da quelli di combattimento.

“DARPA (Defense Advanced Research Projects Agency) sta attualmente indagando sul ruolo dell’autonomia nei sistemi militari come UAV, sistemi informatici, unità di elaborazione linguistica, controllo di volo e veicoli terrestri senza equipaggio, ma non nei sistemi di combattimento o armi”, ha detto il portavoce Jared B. Adams.