news/31872/Get-in-the-Game-finalists-get-green-light-from-Sony

In uno scambio di e-mail, i dipendenti di Facebook si sarebbero offerti di estendere gratuitamente l’accesso Dell’app Tinder dating ai dati degli utenti, in cambio dell’uso del marchio “momenti” di Tinder.

La controversia sul marchio di fabbrica con Facebook su “momenti” è stata risolta anni fa, Tinder ha detto, aggiungendo che non ha ricevuto trattamenti speciali, dati o accesso relativi alla controversia o alla sua risoluzione.news/31872/Get-in-the-Game-finalists-get-green-light-from-Sony

Un’altra serie di email trattate con Facebook negoziando un accordo speciale con Amazon nel 2013. Un dipendente di Facebook ha detto che avrebbe portato Amazon a ottenere meno accesso ai dati, e un altro ha risposto che Facebook avrebbe avuto “una conversazione deludente con Amazon o una conversazione strategica nel contesto delle discussioni più ampie,” Il Journal ha riportato.

Un’altra serie di email ha trattato con L’accesso della Royal Bank Of Canada ai dati degli utenti di Facebook. Un dipendente di Facebook ha chiesto se la banca aveva un accordo che le richiedeva di spendere un certo importo per la pubblicità ogni anno. Un altro ha risposto che la banca avrebbe condotto una delle più grandi campagne pubblicitarie di app-install mobile mai eseguite in Canada.

La banca sostiene di non aver mai avuto una spesa minima di marketing o un accordo di target con Facebook.

Occuparsi degli Affari

I documenti al centro della storia del WSJ “riflettono le conversazioni interne in cui stavamo cercando di costruire un’impresa sostenibile con gli sviluppatori di applicazioni”, ha sottolineato Dormer di Facebook.

  • “Come ogni organizzazione, stavamo discutendo su cosa dovremmo fare e, invece di caricare sviluppatori, alla fine abbiamo deciso di dare loro API gratis.”
  • Facebook era appena uscito dalla sua IPO nel maggio 2012 — allora la più grande IPO di tecnologia nella storia degli Stati Uniti. La società ha offerto più di 421 milioni di azioni a 38 dollari ciascuno e raccolto più di 16 miliardi dollari.
  • Tuttavia, le prestazioni della società subito dopo l’IPO sono state deludenti. Facebook non aveva ancora sviluppato una strategia per generare entrate dal suo prodotto mobile, e stava lottando con una politica di condivisione dei dati che ha dato a decine di migliaia di sviluppatori app esterni accesso a informazioni private sui suoi utenti attraverso la sua piattaforma di sviluppo, mentre l’azienda non ha ottenuto nulla in cambio.
  • I reporter di Wall Street Journal hanno visto il contesto difettoso e in alcuni casi sono stati troncati, il giornale ha riferito.

Facebook aveva detto in altri file di tribunale che gli estratti sono stati successivamente censurati perché contenevano discussioni sensibili della sua analisi strategica interna delle applicazioni di terze parti, rilasciando informazioni che potrebbero danneggiare i rapporti di Facebook con gli sviluppatori.news/31872/Get-in-the-Game-finalists-get-green-light-from-Sony

Inoltre, i documenti “sono solo una parte della storia, e il modo in cui sono stati presentati è stato fuorviante,” Dormer di Facebook mantenuto.

Il giudice della Contea di San Mateo contro Raymond Swope, che sta sentendo la causa della Six4th tre, a quanto pare lo pensa anche lui. Egli ha scritto che la società non lo ha convinto che i documenti in questione siano pertinenti al caso. Secondo quanto riferito, gli avvocati di Six4Three stavano impegnando in ” brute cause overkill.”

Cercare Un’identità

Facebook “è stato combattuto fin dalla sua fondazione”, ha commentato Michael Jude, program manager di Stratecast/Frost & Sullivan.

“È un vettore comune o è un fornitore di servizi che fornisce un servizio in cambio dell’accesso ai dati dell’abbonato?”chiese.

Se si tratta di un vettore comune, “deve rispettare le regole comuni di trasporto con pari accesso, e deve fornire protezioni per i dati personali degli abbonati,” Jude ha detto TechNewsWorld.

Se, D’altra parte, Facebook è un fornitore di servizi, allora “può fare tutto ciò che vuole, purché abbia l’accordo esplicito da parte dei suoi abbonati che può”, ha detto.

Sei4three’s Chance

Facebook “vuole il meglio di entrambi i mondi, quindi deve monetizzare l’accesso in qualche modo, e questo implica la vendita di accesso ai dati degli abbonati per divertimento e profitto”, ha osservato Jude.

Questo” genera dissonanza in ciò che fa nel tempo”, ha detto. Attualmente l’argomento è ” tra gli hawks privacy e i clienti di Facebook business. Sospetto che peseranno le pene per aver offeso ognuno di loro e sceglieranno il meno doloroso finanziariamente.”