Sony Home is not a social network

news/30254/Sony-Home-is-not-a-social-networkHome leads Open Developer giornata Online della conferenza con un focus sul potenziale di gioco dell’app

Aprendo la giornata di sviluppo Online della Conferenza di Brighton, Darren Cairns e Liam Wickham di SCEE hanno chiarito l’intenzione dietro L’imminente Home virtual world di Sony.

Anche se spesso descritto come un social network per la PlayStation 3

  • Cairns e Wickham hanno detto: “la casa non è un social network – è focalizzata sui giochi.
  • E ‘ una rappresentazione visiva della PlayStation community.”
  • Il focus del discorso-e, in effetti, apparentemente il nuovo focus in casa stessa-era sulle capacità di lancio del gioco, essenzialmente servire come grande partito formazione e lobby facility per PlayStation 3 giochi.

Descrivendo il workflow di come far funzionare il lancio del gioco, lo staff di SCEE ha spiegato che gli sviluppatori possono usare il Kit di Sviluppo Home per creare un oggetto di lancio del gioco che viene inviato ai server ed è scaricato dai clienti che cercano di lanciare un gioco. Attraverso lo scripting di Lua, gli sviluppatori possono portare le opzioni di configurazione del gioco – come il numero di slot per giocatori pubblici e la scelta delle regole di mappa / gioco – in casa stessa.

In base alle selezioni, L’oggetto di lancio del gioco scrive file XML con dettagli di sessione e giocatori. La console poi resetta e carica nel gioco (sia memorizzato su HDD o su Blu-Ray), che legge il file XML e si lancia direttamente nel gioco multiplayer. Una volta finito il gioco, il controllo può essere restituito a casa per la discussione post partita.

PubblicitàPubblicità

Per quanto riguarda il lancio del servizio, hanno detto che la beta chiusa si espanderebbe rapidamente e che la beta aperta è ancora prevista per quest’anno. I trofei PSN aggiunti di recente saranno supportati nei profili dei giocatori, ma i trofei 3D e la sala dei trofei su larga scala dimostrati nel keynote della Sony Game Developers Conference 2007.