Troppo spesso trascurato dai giocatori, la potenza di un PC può avere una reale influenza sulla stabilità di una macchina, specialmente quando viene utilizzata principalmente per i giochi. Fornendo l’energia necessaria per il corretto funzionamento di tutti gli altri componenti, è necessario selezionare un alimentatore per PC in base alle esigenze della propria configurazione.

Da una configurazione all’altra, queste esigenze possono variare da una a due, quindi è fondamentale scegliere un alimentatore in grado di fornire affidabilità e durata. Per accompagnarti nella tua ricerca, scoprirai in questa stessa pagina una selezione dei nostri modelli preferiti e una guida che ti spiegherà passo dopo passo i criteri da prendere in considerazione durante la tua ricerca.

Evita gli alimentatori “No-Name”, potresti risparmiare una ventina di euro ma il prezzo non vale la candela.

Alimentatore per PC: modelli migliori e comparativi

I migliori alimentatori PC Gamer

Se sei già aggiornato sui criteri da considerare quando fai le tue ricerche, di seguito troverai un elenco dei migliori alimentatori per i giochi:

Ingresso / Midrange

  • Gamma Corsair CX
  • GM CoolerMaster Series
  • Gamma EVGA GQ

Di fascia alta

  • Gamma Corsair RMi
  • EVGA SuperNova G2 Series
  • Gamma Corsair HXi

Questo elenco viene aggiornato regolarmente in base alle nuove versioni, ma anche ai prezzi dei migliori alimentatori del momento.

Alimentatore per PC

CORSAIR CX

Se hai un budget limitato, la gamma Corsair CX ha uno dei migliori rapporti qualità / prezzo a livello di entry. I blocchi sono certificati 80 PLUS Bronze, offrendo prestazioni efficienti limitando i requisiti di calore e raffreddamento.

La gamma è disponibile in molte versioni, da 430 W a 850 W, per soddisfare la maggior parte delle configurazioni. Inoltre, i modelli CXM, leggermente più costosi, hanno il vantaggio di offrire una connettività semi-modulare.

$ 57,81 $ 64,90

COOLERMASTER GM

Certificato 80 PLUS Bronze, la gamma di alimentatori CoolerMaster GM offre anche un eccellente rapporto qualità-prezzo all’ingresso o nella fascia media. Il produttore offre modelli da 450 W, 550 W, 650 W o 750 W, con costruzione semi-modulare che facilita la gestione dei cavi .

Tra i punti positivi, nota la presenza di un binario singolo + 12V 42A che offre un’ottima stabilità a tutti. La velocità della ventola si adatta all’uso dell’alimentatore per offrire un’esperienza silenziosa.

$ 80,41 

EVGA GQ

Offerto ad un ritmo abbastanza vicino a quello dei modelli CoolerMaster, gli alimentatori EVGA GQ hanno il vantaggio di mostrare la certificazione 80 PLUS Gold. Disponibili in 650W, 750W, 850W o 1000W, sono progettati per configurazioni muscolari che incorporano una potente scheda grafica.

Tutti i modelli presentano un design semi-modulare, che consente di utilizzare solo i cavi necessari per i componenti. E chi dice meno cavi dice una migliore ventilazione all’interno del case.

A partire da 94,14 € 114,39 €

I migliori alimentatori per PC: fascia alta

CORSAIR RMI

Con la gamma Corsair RMi, attacciamo la parte superiore del paniere, compresa quella degli alimentatori per PC completamente modulari. Tutti i modelli sono dotati di certificazione 80+ Gold e i giocatori avranno una scelta di potenza di 550W, 650W, 750W, 850W o 1000W.

Cosa adattarsi alla stragrande maggioranza delle configurazioni, se si desidera montare una configurazione di input, di fascia media o alta. Tutti i blocchi hanno anche il vantaggio di essere garantiti per un periodo di 7 anni.

€ 124,95 € 139,90

BEQUIET! DARK

In competizione con Corsair RMi, troviamo i modelli della gamma BeQuiet! Dark Power Pro 11. Certificato 80PLUS Platinum, gli alimentatori si distinguono per la loro efficienza energetica e il loro uso particolarmente silenzioso.

Se vuoi montare un gamer per PC tanto potente quanto discreto, è chiaramente il modello che ti serve. Con modelli che vanno da 550 W a 1200 W, ogni giocatore dovrebbe essere in grado di trovare una scarpa in piedi. I modelli più potenti sono ovviamente destinati a configurazioni molto grandi, che incorporano schede grafiche in CrossFireX o SLI.

$ 160,05 

EVGA SUPERNOVA G2

Con oltre il 90% di prestazioni, EVGA SuperNova G2 è uno dei giocatori più popolari. Il marchio, che ha forgiato una buona reputazione grazie alle sue schede grafiche ad alte prestazioni, è un nuovo successo qui.

Completamente modulari, i blocchi sono disponibili in potenze che vanno da 550W a 1600W, per soddisfare le aspettative di configurazioni piccole e mostruose. Garantisce 10 anni, gli alimentatori EVGA SuperNova G2 sono riconosciuti per la loro eccellente affidabilità.

A partire da 94,14 € 115,50

CORSAIR HXI

La fascia molto alta di Corsair. Con la gamma HXi, il produttore offre il meglio sul mercato, con un design completamente modulare, certificazione 80 PLUS Platinum e raffreddamento semi-passivo.

Chiaramente, a basso carico, Corsair HXi è completamente silenzioso e la sua ventola da 120 mm si adatta in base al calore generato. Garantisce 10 anni, gli alimentatori sono destinati principalmente a configurazioni di grandi dimensioni con modelli disponibili in 750W, 850W, 1000W e 1200W.

€ 179,99 € 199,90

Come scegliere l’alimentatore per PC?

Non è facile navigare tra le centinaia di riferimenti disponibili. La maggior parte dei marchi offre diverse gamme di alimentatori per PC, poi declinati dalla loro potenza. Per accompagnarti nella tua ricerca, un piccolo elenco dei criteri principali da prendere in considerazione.

Come scegliere l'alimentatore per PC?

 QUALE FORMATO PER L’ALIMENTAZIONE DEL MIO PC?

Come le schede madri, gli alimentatori per PC sono disponibili in diverse dimensioni per adattarsi perfettamente alle dimensioni della custodia del PC . Il mercato è diviso principalmente in due formati:

  • Alimentatori ATX:formato standard. Sono compatibili con la stragrande maggioranza dei casi e hanno dimensioni di 15 x 14 x 8,6 cm.
  • Alimentatori SFX:più compatti, sono destinati principalmente agli utenti che desiderano montare un “Mini-PC”. Con dimensioni di 12,5 x 10 x 6,5 cm, sono particolarmente adatti per custodie Mini-ITX.

Sono disponibili anche altri formati meno generalizzati, come gli alimentatori Flex ATX o TFX che sono spesso destinati a scatole più compatte.

QUALE ALIMENTAZIONE PER IL MIO ALIMENTATORE PER PC?

Una volta selezionato il formato corretto (dall’ATX nel 95% dei casi), resta da definire la potenza del tuo alimentatore (o PSU per gli intimi). Espresso in watt, determina la quantità di elettricità che il tuo alimentatore sarà in grado di fornire.

Punto importante da notare: l’ alimentazione del PC fornisce solo l’energia necessaria per il suo funzionamento. Chiaramente, con la stessa configurazione, un alimentatore da 750 W non consumerà più di un alimentatore da 400 W.

La potenza dell’alimentatore del tuo PC viene calcolata in base alle esigenze degli altri componenti, in particolare quella del processore o della scheda grafica. Come regola generale, un giocatore PC dotato di una scheda graficapiù o meno recente richiederà un alimentatore tra 450 e 650 W.

Questa è ovviamente un’indicazione generale e questo valore può variare ampiamente a seconda degli altri componenti, ma anche della potenza della scheda grafica e in particolare del loro numero. Ovviamente, un PC dotato di GTX 1060 non avrà gli stessi fabbisogni energetici di una configurazione con GTX 1080 Ti SLI.

Per aiutarti a fare la scelta giusta, diversi strumenti possono calcolare la potenza dell’alimentatore in base ai componenti integrati:

  • PSUCalculator– Di BeQuiet!
  • Calcolo dell’alimentazione– Per MSI
  • Calcolatore dell’alimentazione– Di OuterVision (inglese)

EFFICIENZA DI UN ALIMENTATORE PER PC

Il potere di una dieta non è tutto! Alcuni modelli entry-level mostrano quindi un’enorme potenza ma subiscono quindi scarse prestazioni, rendendoli in definitiva molto meno interessanti di alcuni concorrenti meno potenti.

Le prestazioni di un alimento sono menzionate dalla sua certificazione 80 Plus. Mostra un tasso che indica la differenza tra la potenza effettiva erogata al PC e la potenza fornita dalla presa.

Chiaramente, un alimentatore a bassa efficienza avrà una scarsa efficienza energetica con molteplici conseguenze. Da un lato la bolletta dell’elettricità potrebbe aumentare e altri i diversi componenti non saranno sempre alimentati correttamente. Inoltre, l’alimentatore potrebbe surriscaldarsi ma anche essere più rumoroso. In breve, non l’ideale.

Ora ci sono 5 livelli di certificazione:

  • Alimentatore 80 Plus Bronze:efficienza minima 82, 85 e 82% a 20, 50 e 100% di carica, rispettivamente
  • Alimentatore 80 Plus Silver (o Silver):efficienza minima 85, 88 e 85% a 20, 50 e 100% di carica rispettivamente
  • Power 80 Plus Gold (o Gold):efficienza minima 87, 90 e 87% a 20, 50 e 100% di carica rispettivamente
  • Alimentatore Platinum 80 Plus:efficienza minima 90, 94 e 91% a 20, 50 e 100% di carica, rispettivamente.
  • Alimentatore 80 Plus Titanium:efficienza minima 94, 96 e 91% a 20, 50 e 100% di carico, rispettivamente.

Per un giocatore PC entry-level o di fascia media, si consiglia di utilizzare almeno un alimentatore certificato 80 Plus Bronze o Silver. Se stai configurando una configurazione di fascia alta, cerca invece un alimentatore 80 Plus Gold.

LA GUIDA + 12V

Un altro indicatore importante da considerare quando si sceglie un alimentatore, la guida + 12V. Se non verrai necessariamente qui nella tecnica, si consiglia di verificare il valore di questo binario in base alle esigenze della scheda grafica.

A parità di potenza, un alimentatore per PC può offrire una guida da 30A + 12V, mentre un altro può fornire fino a 60A. Ciò può influire direttamente sulla potenza della tua GPU. Ad esempio, alcuni consigli riguardanti le principali schede grafiche attuali:

  • GeForce GTX 1080ti – 35A e 600W di alimentazione
  • GeForce GTX 1080 – Alimentazione 30A e 550W
  • GeForce GTX 1070 – 26A e 500W di alimentazione
  • GeForce GTX 1060 – 22A e 450W di alimentazione
  • GeForce GTX 1050ti – 18A e 350W di alimentazione
  • GeForce GTX 1050 – 17A e 350W di alimentazione
  • Radeon RX Vega 64 – 38A e 750W di alimentazione
  • Radeon RX Vega 56 – 31A e 650W di alimentazione
  • Radeon RX 580 – 27A e 500W di alimentazione
  • Radeon RX 570 – 25A e 450W di alimentazione
  • Radeon RX 560 – 18A e 350W di alimentazione

QUALE CONNESSIONE PER IL MIO ALIMENTATORE?

La connessione di un alimentatore è un altro punto da prendere in considerazione durante la tua ricerca. Credici, non vuoi ordinare un alimentatore e poi ti rendi conto che manca un connettore per alimentare uno dei tuoi componenti.

La potenza di un PC deve essere in grado di alimentare la tua scheda madre, il tuo processore, la tua scheda grafica, i tuoi diversi spazi di archiviazione ( HDD e SSD ), le tue unità ottiche, le tue ventole, il tuo AIO a raffreddamento ad acqua o la tua illuminazione RGB . In breve, un’intera gamma di cavi si posiziona bene nella sua custodia.

  • Scheda madre:connettore ATX a 24 pin (a volte disponibile in 20 + 4 pin per compatibilità con le versioni precedenti)
  • Processore:connettore ATX P4 a 4 o 8 pin (a volte 2 x 4 pin)
  • Scheda grafica:connettori PCI-Express (di solito uno o più connettori 6 + 2 pin)
  • Dischi rigidi e SSD:connettori SATA / connettori Molex (HDD)
  • Unità ottiche:connettori SATA
  • Ventole:connettori SATA o Molex

QUALE CONNESSIONE PER IL MIO ALIMENTATORE?

ALIMENTATORE NON MODULARE, SEMI-MODULARE O MODULARE?

In genere, gli alimentatori vengono forniti con cavi fissi e potresti finire con cavi inutilizzati o, peggio ancora, cavi mancanti per completare la configurazione.

Questi modelli sono chiamati alimentatori non modulari e hanno il vantaggio di essere i più convenienti sul mercato. Lo svantaggio è ovviamente la mancanza di modularità, poiché spesso ci troviamo con cavi extra che si trascinano nel mezzo del suo caso. Non necessariamente l’ideale, sia in termini di estetica che di efficienza.

Per ovviare a questo problema, i produttori offrono ora i cosiddetti alimentatori modulari o semi-modulari. Come suggerisce il nome, questi modelli hanno cavi rimovibili e verranno posizionati solo quelli necessari per alimentare i suoi componenti.

Su un alimentatore modulare, tutti i cavi sono staccabili, mentre su un alimentatore semi-modulare i cavi essenziali (per la scheda madre e il processore) rimangono fissi e tutti gli altri sono rimovibili (PCIe, SATA, Molex …). Questi modelli consentono di gestire meglio la gestione dei cavi liberando spazio per ottimizzare il flusso d’aria.

Gli alimentatori modulari hanno anche il vantaggio di essere personalizzabili con cavi colorati. Un evidente vantaggio per i giocatori che desiderano aggiungere un tocco di colore alla propria configurazione.

ALIMENTAZIONE PASSIVA E SEMI-PASSIVA

Come un processore o una scheda grafica, gli alimentatori tendono a riscaldarsi rapidamente e quindi richiedono un sistema di raffreddamento.

La maggior parte dei modelli incorpora una ventola da 120 mm, che può variare nel rumore da un riferimento all’altro. Come spiegato sopra, gli alimentatori che non hanno una buona certificazione 80 Plus possono tendere a diventare più caldi e rumorosi.

Esistono tuttavia soluzioni se si desidera ridurre al minimo il rumore della macchina, optando in particolare per un alimentatore semi-passivo o passivo.

  • Alimentatore semi-passivo:qui l’alimentatore mantiene la sua ventola di 120 mm, ma questo viene attivato solo quando necessario. Che cosa ottiene un uso perfettamente silenzioso quando il suo PC non esegue compiti pesanti.
  • Alimentatore passivo: o alimentatore senza ventola . Qui, nessuna ventola e quindi non il minimo rumore, sia che la macchina sia completamente carica o meno. Di solito hanno molte perforazioni per dissipare il deposito di calore nei tubi di calore.

Non c’è bisogno di nascondere il tuo viso, gli alimentatori senza ventola non sono necessariamente raccomandati per i giocatori, il loro potere è spesso limitato. Possono comunque fare il trucco per le piccole configurazioni, specialmente se si è dotati di una scheda grafica poco avida, come una GTX 1050 o RX 560.

IN CHE MODO COLLEGARE UN ALIMENTATORE PER PC?

Nella maggior parte dei casi, un alimentatore per PC è posizionato con la ventola rivolta verso il basso, in modo da aspirare l’aria fresca presente sotto l’alloggiamento (quindi la presenza di piedini sulla maggior parte dei modelli).

Una volta installata l’alimentazione, ricordati di spolverare regolarmente sotto la custodia, in particolare pulisci il filtro se ce n’è uno.

 

Leave a reply

Please enter your comment!
Please enter your name here